SEO per immagini: ottimizzazione delle foto per i motori di ricerca

seo immagini
SEO per immagini: ottimizzazione delle foto per i motori di ricerca

Le immagini danno vita a un articolo e contribuiscono anche alla SEO del tuo sito web. Questo post spiega come ottimizzare completamente un’immagine per la SEO e fornisce alcuni suggerimenti sull’utilizzo delle immagini per la migliore esperienza utente.

Usa sempre le immagini

Le immagini, se utilizzate correttamente, aiuteranno i lettori a comprendere meglio il tuo articolo. Il vecchio detto “Un’immagine vale più di mille parole” è certamente vero quando devi ravvivare 1.000 parole noiose, illustrare cosa intendi in un grafico o un diagramma di flusso di dati o semplicemente creare il tuo post sui social media più allettanti.

È una semplice raccomandazione: aggiungi immagini a ogni articolo che scrivi per renderlo più accattivante. Inoltre, dal momento che la ricerca visiva sta diventando sempre più importante, come si vede nella visione di Google per il futuro della ricerca, potrebbe fornirti un bel po’ di traffico. E se hai contenuti visivi, ha senso mettere la SEO delle immagini un po’ più in alto nella tua lista di cose da fare.

Qualche tempo fa, Google Immagini ha ottenuto un’interfaccia nuova di zecca con nuovi filtri, metadati e persino attribuzione. Questi nuovi fantastici filtri mostrano che Google sa sempre più cosa c’è in un’immagine e come quell’immagine si inserisce nel contesto più ampio.

Trovare l’immagine giusta

È sempre meglio utilizzare immagini originali, rispetto a foto stock. La pagina della tua squadra ha bisogno di foto della tua squadra attuale, non di foto d’archivio.

Il tuo articolo ha bisogno di un’immagine pertinente al suo argomento. Se stai aggiungendo una foto casuale solo per ottenere una spunta nell’analisi del contenuto SEO, allora stai sbagliando. L’immagine dovrebbe riflettere l’argomento del post o avere scopi illustrativi all’interno dell’articolo. Inoltre, prova a posizionare l’immagine vicino al testo pertinente. Se hai un’immagine principale o un’immagine che stai cercando di classificare, cerca di tenerla vicino alla parte superiore della pagina, se possibile senza sentirti costretto.

Alternative

Alternative ovvie per le foto potrebbero essere grafici o illustrazioni. Inoltre, una menzione d’onore dovrebbe andare alle GIF animate, poiché sono incredibilmente popolari in questi giorni.

Preparazione delle immagini per il tuo articolo

Una volta trovata l’immagine giusta, che si tratti di una foto, di un’illustrazione o di un grafico, il passaggio successivo è ottimizzarla per l’utilizzo sul tuo sito web. Quindi, prima di aggiungere la tua immagine, ci sono una serie di cose a cui devi pensare:

1 – Scegli il nome del file giusto

La SEO dell’immagine inizia con il nome del file. Vuoi che Google sappia di cosa tratta l’immagine senza nemmeno guardarla, quindi usa la tua frase chiave di messa a fuoco nel nome del file dell’immagine. È semplice: se stai scrivendo un articolo su Notre Dame e utilizzi un’immagine che mostra un’alba a Parigi sopra la cattedrale di Notre Dame, il nome del file non dovrebbe essere DSC4536.jpg. Un nome file corretto sarebbe notre-dame-paris-sunrise.jpg, assicurandosi che l’argomento principale della foto (e del tuo articolo) sia all’inizio del nome del file.

2 – Scegli il formato giusto

Per le immagini non esiste il formato giusto; dipende dal tipo di immagine e da come la vuoi usare. In breve, consigliamo di:

  • scegli JPEG per foto o illustrazioni più grandi: ti darà buoni risultati in termini di colori e nitidezza con una dimensione del file relativamente piccola;
  • usa PNG se vuoi preservare la trasparenza dello sfondo nella tua immagine;
  • oppure, usa WebP invece di JPEG e PNG. Produrrà risultati di alta qualità con file di dimensioni inferiori;
  • usa SVG per loghi e icone. Con l’aiuto di CSS o JavaScript, puoi gestire le immagini in formato SVG, ad esempio, ridimensionarle senza perdita di qualità.

3 – Scala per la SEO delle immagini

I tempi di caricamento sono importanti per UX e SEO. Più veloce è il sito, più facile è per utenti e motori di ricerca visitare una pagina. Le immagini possono avere un grande impatto sui tempi di caricamento, specialmente quando carichi un’immagine enorme per visualizzarla davvero piccola, ad esempio un’immagine di 2500 × 1500 pixel visualizzata con una dimensione di 250 × 150 pixel, poiché l’intera immagine deve ancora essere caricata. Quindi ridimensiona l’immagine come desideri che venga visualizzata. WordPress ti aiuta a farlo fornendo automaticamente l’immagine in più dimensioni dopo averla caricata. Sfortunatamente, ciò non significa che anche la dimensione del file sia ottimizzata, è solo la dimensione di visualizzazione dell’immagine. Quindi pensa alla dimensione in cui carichi le tue immagini!

4 – Usa immagini reattive

Questo è essenziale anche per la SEO e se stai usando WordPress è fatto per te poiché è stato aggiunto per impostazione predefinita dalla versione 4.4. Le immagini dovrebbero avere l’attributo srcset, che rende possibile servire un’immagine diversa per larghezza dello schermo, questo è particolarmente utile per i dispositivi mobili.

5 – Riduci le dimensioni del file

Il passaggio successivo nella SEO delle immagini dovrebbe essere quello di assicurarsi che l’immagine in scala sia compressa in modo che venga pubblicata nella dimensione del file più piccola possibile.

Certo, potresti semplicemente esportare l’immagine e sperimentare percentuali di qualità, ma preferiamo utilizzare immagini della massima qualità possibile, soprattutto vista la popolarità di retina e schermi simili in questi giorni.

Testo alternativo

Il testo alternativo (tag alt) viene aggiunto a un’immagine in modo che sia presente un testo descrittivo se l’immagine non può essere mostrata al visitatore per qualsiasi motivo.

Il testo alternativo è lì per migliorare l’accessibilità del tuo sito web. Quindi assicurati di aggiungere testo alternativo alle immagini che usi e considera di includere la frase chiave SEO per quella pagina se è appropriato farlo. Non riempire il testo alternativo di ogni immagine con parole chiave. Soprattutto, descrivi cosa c’è nell’immagine in modo che sia i motori di ricerca che le persone possano dargli un senso. Più sono le informazioni rilevanti che circondano un’immagine, più i motori di ricerca ritengono importante questa immagine.

Testo del titolo

Quando si passa il mouse sopra un’immagine, alcuni browser mostrano il testo del titolo come una “descrizione comando”. Chrome mostra il testo del titolo come previsto. Il testo del titolo per le immagini è simile e molte persone che usano i titoli copiano semplicemente il testo alternativo, ma sempre più persone lo lasciano fuori del tutto.

Aggiungi i dati strutturati dell’immagine

L’aggiunta di dati strutturati alle tue pagine può aiutare i motori di ricerca a visualizzare le tue immagini come risultati multimediali. Sebbene Google affermi che i dati strutturati non ti aiutano a classificarti meglio, aiutano a ottenere un elenco più dettagliato in Ricerca immagini.

Google ha una serie di linee guida che devi seguire se vuoi che le tue immagini appaiano ricche nella ricerca di immagini. Per uno, quando si specifica un’immagine come proprietà di dati strutturati, assicurarsi che l’immagine appartenga effettivamente all’istanza di quel tipo. Inoltre, la tua immagine dovrebbe avere l’attributo image e che le tue immagini dovrebbero essere scansionabili e indicizzabili.

Schede OpenGraph e Twitter

In precedenza, abbiamo menzionato l’utilizzo di immagini per la condivisione sui social. Se aggiungi il seguente tag immagine alla sezione <head> nell’HTML della tua pagina in questo modo:

<meta property=”og:image” content=”http://example.com/link-to-image.jpg” />

Ciò assicurerà che l’immagine sia inclusa nella tua condivisione su Facebook (e OpenGraph viene utilizzato anche per Pinterest, ad esempio).

Sitemap di immagini XML

Se sei uno sviluppatore web, potresti chiederti delle mappe del sito di immagini XML. Puoi utilizzare le estensioni immagine di Google per le mappe dei siti per fornire a Google maggiori informazioni sulle immagini disponibili sulle tue pagine. Le informazioni sulla mappa del sito delle immagini aiutano Google a scoprire immagini che altrimenti non potremmo trovare (come le immagini che il tuo sito raggiunge con il codice JavaScript) e ti consentono di indicare le immagini del tuo sito di cui desideri eseguire la scansione e l’indicizzazione da parte di Google.

Fornitura di immagini tramite una CDN di immagini

I CDN delle immagini sono costruiti attorno a compiti di base: ottimizzare le tue immagini e portarle al tuo visitatore il più velocemente possibile. L’esecuzione di una CDN di immagini può accelerare la consegna delle immagini.

Una CDN di immagini ti consente di gestire la trasformazione, l’ottimizzazione e la consegna delle immagini. Puoi determinare quali carichi quando e come dovrebbe funzionare. Ad esempio, puoi dire che tutte le tue immagini PNG dovrebbero essere convertite in webp al volo perché si caricano più velocemente e offrono la migliore qualità dell’immagine. Un CDN di immagini ha un sacco di opzioni per mettere a punto il processo, ma spesso c’è un’impostazione predefinita che è probabilmente la migliore per la maggior parte dei siti.

Questo articolo è la versione tradotta dell’originale di Yoast. Leggi l’originale QUI

Total
1
Shares
Articolo Precedente
Google Mum

Google MUM: ecco come funziona il nuovo algoritmo pensato per la SEO

Prossimo Articolo
blog ecommerce

5 argomenti per il blog del tuo sito di e-commerce