Facebook Reels: cosa sono e come si fanno

facebook reels
Facebook Reels: cosa sono e come si fanno

Da pochi giorni Facebook ha rilasciato la possibilità di realizzare Reels per creare contenuti video interessanti. Scopriamo cosa sono e come si fanno.

I Reels sono dei video brevi di massimo 60 secondi, già presenti su Instagram, che permettono di mostrare contenuti creativi, interessanti e informativi.

Questi video, possono raggiungere un pubblico molto più vasto rispetto ai nostri contatti. Per questo motivo, sono molto usati da tutti gli utenti che vogliono diventare influencer sui social.

Il target su Facebook, compreso tra un range di età tra i 30 e i 60 anni, presuppone dei contenuti video differenti rispetto a quelli proposti su Instagram.

Perché Facebook ha aggiunto Reel?

La società di Zuckerberg, proponendo la funzione Reel sta cercando di raggiungere gli stessi numeri fatti registrare da TikTok, diventata popolare proprio per questo tipo di contenuti. Inoltre, la modalità video è quella che gli utenti preferiscono perché più immediata.

Ovviamente, questa nuova funzione, per le aziende offre la possibilità di far aumentare le visualizzazioni dei propri contenuti a un target più ampio, non solo alla propria cerchia di followers.

Una campagna di comunicazione ben fatta, con video di qualità, interessanti e informativi, con una strategia di comunicazione e con un piano di acquisizione lead, possono inevitabilmente portare benefici e nuovi contatti all’azienda.

Come realizzare Reel di qualità

Il contenuto del video deve realmente comunicare qualcosa. Quindi, no a balletti e canzoncine, sì a contenuti informativi relativi a prodotti e servizi e ai loro utilizzi. Anche video a tema divulgativo su temi di attualità sono buoni contenuti da proporre. Il contenuto di un Facebook Reel deve lasciare un messaggio impresso nella mente delle persone in soli 15 secondi.

Usare un testo riassuntivo, la musica in trend ed gli effetti visivi aiuta a creare contenuti più coinvolgenti.

Il contenuto deve essere originale. Bisognerebbe realizzare video con delle scenografie costruite ad hoc sopratutto se il Reel è fatto da un’azienda che vuole pubblicizzare un suo prodotto.

Le differenze tra Facebook e Instagram Reel

Possiamo tranquillamente affermare che i contenuti prodotti per Instagram possono essere condivisi su Facebook. Ma nel dettaglio tra i due social ci sono delle differenze importanti:

  1. Se il contenuto originale è stato realizzato su Instagram, quando qualcuno visualizzerà il video su Facebook lo vedrà con il nome dell’account IG e non con quello Facebook;
  2. Per ciò che concerne i commenti, se si sta visualizzando un Reel creato su Facebook, si potranno lasciare dei commenti. Se, però, si sta visualizzando un Reel originario di IG, su Facebook i commenti potranno essere lasciati soltanto sull’App di Instagram;
  3. Se il Reel è stato realizzato su Facebook, si potrà vedere chi ha visto il contenuto e ha messo like. Differentemente, se il contenuto è originario di IG, non si potrà vedere chi ha messo like al video. Si potrà vedere solo sull’App di Instagram;
  4. Se si sta guardando un Reel creato su Instagram, sarà possibile vedere il numero delle volte che è stato riprodotto. Il numero di riproduzioni, però, esclude i replays delle riproduzioni;
  5. In merito al Creator della pagina, se si sta guardando un Reel creato su Facebook, si possono vedere tutti quelli creati dall’account, cliccando sul nome del creatore. Se il Reel lo si guarda su Instagram, se si clicca sul nome si viene re-diretti sul profilo IG della persona.

Guadagnare con Facebook Reels

Con i Reels si può guadagnare, ma molto dipende dal contenuto che si realizza. A questo proposito, i Creators di contenuti con un numero alto di visualizzazioni avranno la possibilità di inserire 2 formati pubblicitari nei loro video:

  • Banner pubblicitari in overlay nella parte inferiore del Reel
  • Immagine statica posizionata in qualsiasi punto del Reel
Total
1
Shares
Articolo Precedente
google posizionarsi in alto

Come posizionarsi in alto su Google: 5 consigli pratici

Prossimo Articolo
consigli marketing piccoli business online

13 consigli di marketing per chi gestisce piccoli business online

Altri articoli